Hello Data!

di Guido Romeo

Questo blog è il primo passo pubblico di iData, il progetto sostenuto dalla Fondazione Ahref, che mira a sviluppare la prima piattaforma italiana per il giornalismo basato sui dati.

Il “data-journalism” è un filone in piena esplosione soprattutto negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Tra i migliori esempi ci sono i lavori di Paul Bradshaw
E quelli di ProPublica che con il suo Recovery Tracker ha organizzato i dati sulle misure anticrisi di stimolo all’economia rilasciati dal governo Usa, in un database liberamente consultabile dai cittadini, ma anche da altre testate che grazie ad esso hanno prodotto articoli più approfonditi ed è diventato un formidabile strumento di trasparenza e democrazia.

È un giornalismo per smanettoni? No. È un giornalismo che chiede di rispettare tutti i vecchi crismi (ipotesi, ricerca e verifica, e ovviamente anche olio di gomito…), ma si avvantaggia di software, spesso scritto ad hoc, per mettere in relazioni le masse di dati rese disponibili dalla digitalizzazione, ma spesso prive di senso se non le si affronta con strumenti abbastanza potenti. Un esempio recente e molto bello è l’inchiesta Dollar for Docs di ProPublica nella quale la potenza del software ha contestualizzato e localizzato geograficamente dove lavorano oltre 7mila medici che, negli Usa, hanno accettato compensi dalle aziende farmaceutiche.

In questa prospettiva, il data-journalism non è un’arena riservata a giornalisti investigativi e maghi del codice, ma

In Italia non ci sono, purtroppo, repository di dati pubblici altrettanto ricchi come il data.gov statunitense e il data.gov.uk britannico e le norme che garantiscono l’accesso ai dati pubblici come le legge n. 241 del 1990 e i suoi aggiornamenti sono ancora molto lontane da ciò che garantisce il diritto a Londra e a Washington.

Nella Penisola, si moltiplicano però le esperienze open-data delle istituzioni. È il caso di Dati.Piemonte e di Open Data lanciata dal Comune di Udine, oltre a iniziative come quella per la trasparenza delle spese del Parlamento lanciata da Radicali Italiani, Agorà Digitale e Valigia Blu.

In uno scenario nel quale la digitalizzazione dei dati è ancora troppo spesso percepita come un vulnus ai media l’utilizzo e la creazione di dati open source si profila come una grande occasione sia per l’informazione che per la democrazia perché, oltre a creare nuovi strumenti di lavoro per i giornalisti, sta spingendo a nuove dinamiche collaborative con e tra i lettori, aumentando il convolgimento della società civile e la trasparenza delle fonti.

Ma più pragmaticamente… qual è lo scopo di iData?
Miriamo a sviluppare la prima piattaforma italiana open source per il giornalismo basato sui dati.

Interamente in licenza creative commons, la piattaforma sarà collegata a un ventaglio di community che potranno collaborare per la raccolta, produzione ed elaborazione dei dati.

I dati potranno provenire da database pubblici, da fonti di dominio pubblico o venire preparati ad hoc dalle community.

E infine, organizzere anche un po’ degli strumenti di base già esistenti e ne svilupperemo di nuovi per aiutare chi informatico non è, come il sottoscritto, a dare senso ai dati!

blog comments powered by Disqus
Articoli
iData tutorial/6 - Excel, l'arma tuttofare del datajournalist
Data Journalism: è online il primo corso dello European Journalism Center
iData tutorial/5 - Infogram: tutti i grafici in poche mosse
iData tutorial/4 - Easel.ly: l'infografica è più facile online
iData tutorial/2 - ManyEyes: visualizza i dati senza fatica
iData tutorial/3 - Storify: come raccontare una storia con i social
Data Journalism Awards: tre progetti italiani in finale (e un making of)
Precisione, dati, accesso e partecipazione: gli spin-off dei civic media
HacksHackers: call per progetti e nuova sede - Milano 8 gennaio
DataViz, il centro Knight lancia un corso aperto e online di massa
#scuolesicure: i dati per battere i terremoti (e la burocrazia)
Ddl sviluppo: cosa c'è per il giornalismo dei dati
HacksHackers: appuntamento a Milano l'11 luglio
Hacks and Hackers Italy: dopo Perugia e Bologna parte Milano
I materiali della prima Data Journalism School Ahref-Istat
Data Journalism Awards: come sono nate le inchieste vincitrici
Il data journalism è punk!
Data Journalism School: l'Italia è una nuova terra di opportunità per il giornalismo dei dati
Data Journalism Awards: tra una settimana il Pulitzer del giornalismo dei dati
Assegnati i fondi PON per le scuole medie del Sud
I numeri della scuola/2 – la popolazione scolastica italiana
I numeri della scuola/1 – lavorare con i dati della scuola
Data Journalism Awards: il giornalismo dei dati si mette in gara
Data journalism in italia: c'è una mailing list
Due ebook sul giornalismo dei dati
Open Data, la regione Emilia Romagna presenta il suo portale
Come NON ingannare con le visualizzazioni
iData tutorial: Document Cloud
Scuole trasparenti
Appunti da 'news: rewired' – noise to signal
Referendum sul nucleare: la forza dei dati
I dati confessano sempre
I dati vincono il Pulitzer
Dollars for Docs
Strade pericolose
Il futuro del giornalismo è nei dati
Hello Data!
RSS

Feed RSS

© 2012 Fondazione <ahref | Sede legale: Vicolo Dallapiccola 12 - 38122 Trento - Italy | P. IVA 02178080228 Creative Commons License